Recensione MATRIMONIO D’INTERESSE

Salve Readers e bentornati sul blog! ❤

Vista la collaborazione con la DRI Editore, oggi andrò a recensire MATRIMONIO DI’INTERESSE, un romanzo storico pubblicato di recente. L’autrice è Marilena Boccola, la quale, grazie alla casa editrice, ha potuto pubblicare il suo lavoro. Ringrazio ancora la Dri Editore, per avermi inviato in anteprima, la copia digitale di questo romanzo.

Andiamo a scoprire qualcosa su di lei!

Chi è Marilena Boccola?

Marilena Boccola è un’appassionata lettrice che scrive da sempre per il puro piacere di farlo. Laureatasi a Padova in Scienze Politiche, vive a Mantova con la sua famiglia e lavora presso una cooperativa sociale che gestisce servizi per persone disabili. Fin da bambina ha tenuto un diario e negli anni ha scritto diversi racconti, tra cui alcuni per i suoi figli. Uno di essi, Il Ragno Luigi, vincitore del concorso letterario Racconti nella rete 2011, è stato pubblicato nell’omonima antologia edita da “Nottetempo”. Romantica e sognatrice, recentemente si è cimentata nella scrittura di romanzi rosa senza tralasciare un pizzico di erotismo. Prima di approdare felicemente ad HarperCollins, ha auto-pubblicato i romanzi Una casa per due, Abbracciami più forte e Una vita in più, oltre ad alcune novelle natalizie, riscuotendo apprezzamenti e recensioni favorevoli. Con HarperCollins Italia ha pubblicato in digitale i romanzi Baci, sabbia e stelle (giugno 2016) e Nella rete di Shakespeare (settembre 2017) raccolti a luglio 2018 in un’unica edizione Harmony in vendita in edicola. A settembre 2018 è uscito nella collana eLit Un caffè con Raffaello. Ha partecipato all’antologia di racconti natalizi (DRI Editore) ambientati nell’Ottocento inglese dal titolo Regency a Natale il cui ricavato è stato devoluto in beneficenza. Matrimonio D’onore è stato il suo primo vero e proprio romance storico, mentre Matrimonio D’interesse ne è un certo senso il seguito, anche se entrambi sono autoconclusivi.

Positiva e solare, è convinta che la vita ricambi nello stesso modo chi le sorride.

Visto che di questo romanzo vi avevo già messo la scheda, per comodità vi riposto la sinossi, così da rispolverare un po’ le idee:

Londra. 1813.

Miss Charlotte Ashcroft non ha mai avuto alcuna intenzione di sposarsi.
Tuttavia la strada della giovane s’incrocia con quella di Thomas Francis Stuart, Duca d’Arcy, irriverente libertino sull’orlo della bancarotta a causa del gioco e delle donne, vizi ai quali è notoriamente dedito.
Quale migliore occasione per quest’ultimo, per risanare le proprie finanze e garantire un erede alla casata, se non quella di sposare l’esuberante e attraente fanciulla?
L’antipatia di Charlotte verso Thomas è intensa e istintiva, quasi quanto l’attrazione che suo malgrado prova nei confronti del Duca.
Un corteggiamento serrato, sfrontato, appassionato… ma Charlotte non è certo il tipo da lasciarsi intrappolare anche se, si sa, l’amore può nascondersi ovunque. A volte anche sotto le apparenze di un mero matrimonio d’interesse…

“Vanità e orgoglio sono due concetti ben diversi. Si può essere orgogliosi senza essere vanitosi. L’orgoglio si collega piuttosto all’opinione che abbiamo di noi stessi, la vanità è ciò che desidereremmo fosse l’altrui opinione.”

Orgoglio e Pregiudizio

Ambientato in un’epoca storica abbastanza complessa, il romanzo ci trasporta indietro nel tempo. In una società Londinese, dove uomini e donne non erano considerati “alla pari”, basti pensare che in quel periodo, le donne venivano screditate di continuo. Erano costantemente oggetto di critiche, e qualora avevano la fortuna di essere maritate, i coniugi le rabbonivano con metodi alquanto discutibili, per continuare a fare i loro comodi.

Lo sa bene Charlotte. Una giovane baronessa, la quale si sente fuori posto in quella società austera e poco tollerabile in cui è costretta a vivere. Lei che è stata cresciuta dalla madre, come uno spirito libero, non riesce a sottostare alle continue regole; che quotidianamente deve seguire per non far parlare di sé dalle malelingue. Charlotte e sua sorella maggiore Esther, non hanno avuto una balia, ma fu la sola madre a prendersi cura delle sue due bambine. Cosa assai inaudita, per i canoni dell’epoca.

“Di conseguenza, Esther e Charlotte, cresciute con uno spirito libero e un animo sensibile alla bellezza, rischiavano di apparire alquanto bizzarre agli occhi dei benpensanti per i quali una donna non avrebbe dovuto ambire a nient’altro se non a una bella casa nella quale ricevere gli ospiti e allo sfoggio di una buona posizione sociale.”

La lettura, le permette di vagare con la mente e pensare fuori dagli schemi. Ama leggere e tenersi aggiornata, specialmente per quanto riguarda i romanzi. La sua ultima lettura, tratta di una storia di amore-odio, pubblicata da una Miss di cui nessuno conosce il nome.

Esther a differenza della sua giovane sorella, vuole a tutti i costi trovare un marito. Per questo le due giovani donne, si trasferiranno dalla zia a Londra; così da ottenere almeno una proposta di matrimonio. Charlotte però, non ne vuole sapere, vede l’amore come una sofferenza e sa benissimo che degli uomini non ci si può fidare.

“Perdonami, ma tutto questo non fa altro che confermare il mio cinismo nei confronti degli uomini”

Thomas Duca D’Arcy, è in procinto di perdere tutta la sua fortuna. Ama sperperare il suo denaro tra i bordelli e sale da gioco, non curandosi degli avvertimenti dello zio in fatto di tenere a bada i suoi bollenti spiriti che molto spesso lo fanno finire in faccende poco raccomandabili.

Il giovane rampollo dell’alta società, ha un ripudio verso il matrimonio. Però sa che lo zio, non ha tutti i torti e se vuole rimettere in sesto il suo titolo e i suoi possedimenti, avrà bisogno di due cose: una moglie e un erede.

“Cosa importa? Tu non hai la scocciatura dell’erede con la quale fare i conti!”

L’amore non ha nulla a che vedere con il matrimonio. Thomas cerca quello che si vuol definire “Un matrimonio d’interesse”. Deve iniziare ad applicare il suo piano: trovare una giovane donna, con un buon titolo, una buona dote e che non sia una di quelle mogli appiccicose che non lasciano respirare il marito.

La soluzione, appare d’avanti ai suoi occhi. Quando due giovani donne si avvicinano a lui e a suo zio in procinto di avere una conversazione con i due gentiluomini, nonostante la poca vicinanza, posa lo sguardo su quella che dovrebbe essere sicuramente la più giovane, e rimane esterrefatto dalla sua imponente bellezza.

“La somiglianza era indubbia, nonostante Miss Esther Ashcroft avesse i tratti decisi e i capelli neri. Senz’altro una bellezza notevole! Se non mi fossi già fissato con la sua sorellina, a quest’ora non disdegnerei la proposta del Barone”

Charlotte ha sentito molti pettegolezzi sul Duca. Lo considera uno sfrontato e sbruffone, nonché un uomo insignificante a cui piace trastullarsi con donne di ogni tipo e con il vizio del gioco. Si intrattiene della sua compagnia solo per il bene dell’amata sorella, che ammaliata dai modi dello zio del giovane signore, cerca di vederlo il più possibile tra passeggiate ed incontri mondani.

Ogni volta però, sembra peggiorare e le avance del Duca diventano sempre più esplicite ad ogni incontro. Charlotte non vuole cedere alla corte che le sta propinando il nobile, né riconosce e né loda la bellezza; ma sa che le ronza intorno per uno scopo preciso. La dote.

“Non lo indovinate dunque? È facile immaginare che stiate puntando alla mia dote.”

Riuscirà Charlotte a non cedere alle avance del Duca?

Eccomi arrivata alle conclusioni.

Che dire, questo romanzo mi ha fatta tornare un po’ bambina. Ha scaturito in me tante emozioni, e non l’avrei mai detto ma in alcune scene mi sono emozionata davvero tanto. La storia è un omaggio ad Orgoglio e Pregiudizio, della nostra cara zia Jane Austen, chi non ha amato questo libro? Ah il Sig. Darcy… Come dicevo prima di scatenare la mia aria sognante, la storia è un omaggio, infatti ritroviamo alcuni aspetti che alla fine scaturiscono la base del libro della Austen. Charlotte e Thomas sono entrambi orgogliosi, ed ovviamente non mancheranno i pregiudizi. Lei che lo ha immaginato come una persona vuota, mentre lui la considera una donnetta da manipolare a suo piacimento. Da fan di Jane Austen, ho apprezzato questa caratteristica che mi ha dato modo di ricordare la storia d’amore tra Lizzy e Darcy.

La narrazione è in terza persona, tipica nei racconti storici. E l’ho trovata una scelta adeguata per come poi la scrittrice ha impostato la vicenda. A mio parere non disturba la lettura, anzi in realtà la fa scorrere ancora più velocemente.

Che dire dei personaggi? Ho adorato, con la A maiuscola; il personaggio di Charlotte. Sarà forse l’assonanza con Lizzy, ma sicuramente non la dimenticherò tanto facilmente. Rispecchia la personificazione di una persona forte e sicura di sé. In un’epoca non del tutto semplice, sicuramente sarebbe veramente apparsa bizzarra ad occhi altrui. Nel modo di parlare, di esprimersi, di mentalità. Insomma in tutto. Mentre il personaggio di Esther è completamente diverso. Diciamo che è più accondiscendente, rispetto alla sorella che non vuole sapere di balli, incontri e barzeccole simili. Thomas in realtà è un po’ il classico tipo che con il Sig. Darcy non ha proprio niente a che vedere, anzi è il suo opposto. All’apparenza sembrerebbe un uomo senz’anima, frivolo e un completo narcisista. Sicuramente ha l’abilità di imbellire un discorso con un’eloquenza che lo rende ancora più affascinate. Indovinate un po’ chi non riuscirà ad intortare?

La copertina la trovo molto bella, non è una novità. Ho più volte elogiato lo stile della DRI Editore. Il rosa-arancio è una tonalità interessante e le due ombre che si vedono, sembrano proprio i due protagonisti della storia.

Inutile dirvi che questo libro l’ho divorato in sole poche ore. I romanzi storici sono delle letture che amo leggere, non spesso ma quasi. Ti danno la possibilità di conoscere e recepire più informazioni rispetto ad un classico romanzo. Poi l’aggiunta di alcune frasi di Orgoglio e Pregiudizio, lo hanno reso infallibile. Devo complimentarmi con l’autrice, che Jane Austen a parte, è riuscita a rendere il romanzo di Charlotte e Thomas indimenticabile!

Vi lascio in basso il link per l’acquisto ed i vari contatti dell’autrice:

Instagram: @marilena.boccola

Facebook: Marilena Boccola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...