Cover Reveal Pâtisserie Française. Macarons in cerca d’amore.

Titolo: Pâtisserie Française. Macarons in cerca d’amore.

Autrice: Margherita Fray

Cover: Catnip Design

Genere: Chick lit

Data di uscita: 21 aprile 2020 su tutti gli store principali

Preorder: 17 aprile 2020

Formato: solo ebook (per il momento)

Prezzo: 2,99 euro

Finale: Autoconclusivo

TRAMA:

Veronica, una venticinquenne romana, si presenta a un colloquio alla Pâtisserie Française. Ed è proprio lì che si imbatte in Pierre Mureau, l’affascinante quanto arrogante, capo pasticcere della pasticceria. Molto francese, molto bello, perfezionista fino alla psicosi. Trova offensivo e riprovevole circa il 90% di quello che fa Veronica. Il suo primo incontro con Pierre non è dei più allegri. Dire che lui la consideri una buona a nulla è riduttivo. Di tutt’altro avviso è Eleonora, la proprietaria della pasticceria, che al contrario del capo pasticcere, è propensa a darle un’opportunità. Quello che all’inizio sembrerà il giusto mix per un disastro, riesce lentamente a diventare altro: Veronica conoscerà lati piacevoli di Pierre che non avrebbe mai immaginato… finché non scoprirà che anche l’irreprensibile Mureau ha dei segreti piuttosto ingombranti.
Sullo sfondo di una Roma torrida e asfissiante, Veronica conosce una versione più matura e adulta di sé, e impara cosa sono l’amicizia e l’amore.

Estratto di “Patisserie FranÇaise”

«Quanti macarons hai fatto nella tua vita?» domanda, osservandomi mentre sollevo una metà di biscotto e la studio: sono davvero molto belli, lucidissimi, regolari e con il bordino intorno.

Non ne ho fatti molti. Ovviamente ci ho provato e ammetto che erano venuti piuttosto carini e buoni per essere la prima volta, però sicuramente non erano come questi.

La risposta sarebbe “Non abbastanza”, ma mi mantengo vaga con un: «Non li ho contati…» Deglutisco e gli lancio un’occhiata inquieta: Mureau mi sta fissando in attesa che sia più sincera.

«Alcuni» butto lì con nonchalance.

Lui mi osserva ancora, mi soppesa, per alcuni secondi gli unici rumori del laboratorio sono il ticchettio del timer-gallina e il raschiare della sua frusta sul fondo della pentola. Alla fine sospira, più arreso che arrabbiato. «Non so pas perché ti chiedo le cose» spiega.

Continua a mescolare e fissarmi, e io mi sento una ragazzina in attesa della punizione dopo una marachella. La situazione rischia di diventare decisamente più “Cinquanta sfumature di grigio” del voluto.

Sollevo un indice e senza aspettare il suo permesso dico: «Quello di Eleonora è l’unico contratto che firmerò.»

«Eh?» ribatte con una smorfia.

Scuoto la testa invitandolo a lasciar correre e continuare.

«Bien, dicevo. Non mi fido pas a lasciarti la mia crema» spiega tornando al fulcro della situazione. «Quindi prendine uno e fammi vedere.»

Sbuffo, ma faccio come dice: prendo metà macaron giallo, poi osservo tre sac à poche già riempite di creme. Ho paura di prendere la crema alla vaniglia invece di quella al limone: ne farebbe un caso di stato.

Mureau continua a fissarmi.

«Potresti aiutarmi» gli faccio notare senza guardarlo.

«Quella alla tua sinistra» si arrende a spiegarmi, mentre alza gli occhi al cielo esasperato. «Bastava che le annusassi. Una bambina di sette anni sarebbe più sveglia di te.»

«Un giorno saremo amici. Quel giorno mi spiegherai il perché di tutta quest’aggressività» prevedo poi recupero la sac à poche che mi ha indicato e faccio per spremere.

«Pensi di riuscire a mettere lo stesso quantitativo di crema in ognuno» mi interrompe proprio quando sono pronta. Non è una domanda, né un’affermazione. Nel dubbio annuisco.

«Non ci credo pas

«Conto» cerco di tranquillizzarlo.

«Conti?»

«Sì, conto» gli lancio un’occhiata. «Uno, due, stop.»

«Non far durare troppo l’uno» mi avverte.

Lo fisso immobile, ancora con lo stesso, disperato quanto me, mezzo macaron in una mano e la sac à poche nell’altra. «Come fa a durare troppo “uno”? È uno.»

«Prova a fare un, due.»

Il mio inconscio osserva il livello di frustrazione salire su, e ancora più su, fino a toccare le stelle. È quasi poetico.

Mi volto per dargli le spalle e mettere fine a quest’insostenibile conversazione. Lo sento borbottare quella che ha tutta l’aria di essere un’imprecazione in francese.

Provo la sac à poche sul dorso della mano, giusto per rendermi conto di quanto sia fluida la crema e quanta ne esca, prima di avvicinare il beccuccio al biscotto. Farcisco come ritengo opportuno, infischiandomene di quello che ne pensa Mureau, poi recupero l’altra metà e compongo questo povero macaron, rimasto solo troppo a lungo.

Mi volto e gli sbatto contro, sorprendendolo praticamente addosso a me, in punta di piedi, nell’evidente tentativo di sbirciare quello che stavo e sto ancora facendo. Lo spingo via arrossendo.

«Sei infantile, Mureau» lo rimprovero.

«Come ti pare. Fa vedere.»

Glielo mostro.

Si china e lo osserva come se potesse dedurne la composizione molecolare da uno sguardo. «Mh» dice infine.

Io sorrido furba: è il “mh” numero uno, quello che significa può andare.

«Quanto hai contato?» mi chiede sollevando lo sguardo su di me.

Assottiglio lo sguardo. «Non te lo dico.»

Sbuffa.

Circa un’ora dopo tutti gli ottanta macarons hanno trovato la loro anima gemella e se ne stanno tranquilli a godersi la vita coniugale in una scatola verde, immersi nella carta velina rosa. Una confezione molto di classe.

Mi fermo a studiarli prima di mettere il coperchio e Mureau mi si affianca per fare lo stesso: siamo gomito a gomito, in contemplazione dei macarons.

«Molto meglio di quanto temessi» osserva.

Gli lancio un’occhiata divertita. «Puoi anche dirlo, che sono stata brava.»

Ride e ricambia il mio sguardo. «Vuoi davvero che li giudichi?» domanda a voce bassa.

Lo trovo imprevedibilmente intimo, soli a parlottare vicini, mentre intorno a noi ci sono dieci milioni di gradi. Forse è per questo che sento tanto caldo.

«Sarai spietato?» domando mimando timore. I miei dolcetti sono piccoli e sensibili, potrebbero non sopportare un giudizio troppo amaro.

Si sbilancia verso di me spingendomi delicatamente. «Proverò a non esserlo troppo» promette.

Mi mordicchio le labbra da un lato, mentre annuisco incerta.

Lui si china sul cofanetto con attenzione e li fissa uno per uno, mentre continua a battersi delicatamente la punta del naso con l’indice. Lo ammetto, è un tic da concentrazione adorabile.

«Questo» inizia indicandone uno. «Questo e questo sono più pieni degli altri.»

Ha appena detto che sono grassi?

«Anche questo e questo. Qui – prosegue indicandone tre vicini – hai spinto troppo quando li hai accoppiati e si sono rovinati…» Si sofferma su uno e lo giudica colpevole. «Questo è storto.»

Lo fisso serissima. «Lo hai fatto piangere» dichiaro.

«Una prova discreta» conclude con un sorriso.

«Nove su ottanta non puoi definirla solo discreta» mi lamento.

Si stringe nelle spalle. «L’ho appena fatto» dice tornando a guarnire crostatine.

Gli faccio la linguaccia quando non guarda.

«Ti ho vista» mi avverte. «Va’ a chiamare Eleonora e dille che è tutto pronto.»

Alla prossima ❤



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Medicina, Cultura, e Legge.

Articoli su Medicina, Legge e Diritto, ma anche Aforismi, Riflessioni, e Poesie.

Mente Virtuale

tutto ciò che vuoi scoprire online, e molto altro!

Posso venire in abbraccio?

Domani ti dico ciao e ti voglio bene

Book Coffee Site

Take a Book and Drink a Coffee with Me

Sognare tra le pagine di un libro

Se puoi sognarlo puoi farlo

Lady Bee

Pillole di blogging e social media

Doby's Book

It cant rain forever.

◦ ღ ☼ Elena e Laura ☼ ღ ◦

Due sorelle e una stanza di libri

Il Blog di Roberto Iovacchini

Prima leggo, poi scrivo.

Benedetta Boni

Nata in dicembre

Il Buon Vecchio Libro

"Un buon libro è il migliore degli amici, oggi come per sempre." Tupper Martin

ROMANCE E ALTRI RIMEDI

di Mara Marinucci

Conoshare

Condividere la conoscenza

che libro mi porto

Viaggiate con una storia

Libriamoci913

Condividiamo l'amore per i libri

PowerOff PSY

•||ℒa pagina di emozioni e sentimenti più sinceri; parole d'amore e d'affetto che scaturiscono dal cuore||•

Rachel Sandman

Breathe, Express Yourself, Read ... And Write

Scrittrice di anime

Sei tu lo l’autore della tua vita.

Dentro un libro

Il fantastico mondo dei libri a portata di click

Nonapritequelforno

Se hai un problema, aggiungi cioccolato.

Il Blog per TE

psicologia, curiosità, musica, cinema, moda e tanto altro!

La Biblioteca di Daniela

Consigli, chiacchiere ed opinioni su libri e dintorni

#Bookisalwaysagoodidea

Deve esserci sempre un libro da leggere per salvarci la vita!

IL LIBRO SUL COMO' DI MEG

Blog Letterario a sostegno di autori self e piccole case editrici a cura di Margherita Maria Messina

Una Valigia ricca di Sogni

Diario di una sognatrice

𝒞𝓁𝑒𝓇𝑒 𝐵𝑜𝑜𝓀𝓈 𝑅𝑒𝒸𝑒𝓃𝓈𝒾𝑜𝓃𝒾

“𝒞𝒽𝒾 𝓃𝑜𝓃 𝒸𝒶𝓂𝒷𝒾𝒶 𝓂𝒶𝒾 𝓁𝒶 𝓅𝓇𝑜𝓅𝓇𝒾𝒶 𝑜𝓅𝒾𝓃𝒾𝑜𝓃𝑒 𝒽𝒶 𝒾𝓁 𝒹𝑜𝓋𝑒𝓇𝑒 𝒶𝓈𝓈𝑜𝓁𝓊𝓉𝑜 𝒹𝒾 𝑒𝓈𝓈𝑒𝓇𝑒 𝓈𝒾𝒸𝓊𝓇𝑜 𝒹𝒾 𝒶𝓋𝑒𝓇 𝑔𝒾𝓊𝒹𝒾𝒸𝒶𝓉𝑜 𝒷𝑒𝓃𝑒 𝓈𝒾𝓃 𝒹𝒶 𝓅𝓇𝒾𝓃𝒸𝒾𝓅𝒾𝑜.” - Jane Austen

Terracqueo

MultaPaucis - Blog di Viaggi on The Road

A piedi nudi per la Contea

Inguaribile sognatrice, vivo di libri a colazione pranzo e cena, e parlo a vanvera di quello che mi piace.

Libri & nuvole

Interrogo i libri e mi rispondono. E parlano e cantano per me. Alcuni mi portano il riso sulle labbra o la consolazione nel cuore. Altri mi insegnano a conoscere me stesso. Francesco Petrarca

Fenice fra le pagine

Fra pagine e serie Tv si espande il mio universo

Jane Rose Caruso

Digital Creator-Blogger-Writer

Tracce d'inchiostro blog

Le parole hanno un grande potere. Possono piegarti al loro volere senza che tu riesca a proteggerti. Ti portano in mondi inesplorati. Angoli bui, sprazzi di sole. Calma, tempesta. Ti mostrano nudo. Inevitabilmente, Inconsapevolmente. Sei quello che sei. Non puoi nasconderti, né mentire. Perché quelle parole, quelle emozioni che tanto temi, sono te. E come te, si spera restino indelebili in chi saprà accoglierle. Anche se per un breve istante.

Jane Fade Merrick

Le Ceneri della Fenice e altre cazzate scritte

Scheggia tra le pagine

Libri, recensioni, Io e la mia passione.

ragazzainrosso

Blog letterario a cura di Silvia

Allyson Taylor

Libri, film, serie tv, ricette e molto altro

La stanza dei libri

"Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima" (Marco Tullio Cicerone)

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: